MENU

Tag | 416bis

Mafia Capitale, assolti i calabresi Rotolo e Ruggiero

11 Set 2018 - Press

Erano accusati di far parte del “mondo di mezzo”. La Corte d’appello ha confermato la decisione del primo grado ROMA La Corte d’Appello di Roma, Terza sezione penale, ha confermato ad esito della lettura del dispositivo in data odierna, le assoluzioni di Rocco Rotolo (difeso dagli avvocati Davide Vigna e Roberta Giannini) e Salvatore Ruggiero […]

Partecipazione ad associazione mafiosa: non basta avere rapporti con esponenti – anche di vertice – dell’associazione (Cass. Pen. Sez. V – 7767/18)

16 Feb 2018 - Sentenze

In tema di partecipazione ad associazione mafiosa i soli rapporti di frequentazione con altri soggetti ritenuti esponenti dell’associazione medesima (spesso attenzionati – a maggior ragione in contesti territoriali di limitata estensione) sono insufficienti di per sé a sostenere un sufficiente impianto probatorio. Gli stessi, piuttosto, possono essere validamente considerati riscontri esterni in relazione ad altri […]

Mafia Capitale – assolti i due calabresi coinvolti

20 Lug 2017 - Press

La storica sentenza del Tribunale di Roma riguarda anche Rocco Rotolo e Salvatore Ruggiero. Per l’accusa avrebbero rappresentato il collegamento tra i clan della ‘ndrangheta e la rete di Buzzi e Carminati. Tornano liberi dopo 952 giorni di carcere Mafia Capitale, assolti i due calabresi coinvolti Sono stati assolti i due calabresi che erano rimasti […]

Associazione mafiosa: le esigenze cautelari non possono essere desunte dalla sola sentenza di condanna (Cass. Pen. Sez. VI – 13750/16)

6 Apr 2016 - Sentenze

In tema di associazione mafiosa l’art. 275 co. 1 bis c.p.p., che consente al giudice che ha emesso una sentenza di condanna nei confronti dell’imputato di emettere a suo carico un’ordinanza custodiale, non va interpretato nell’ottica di una presunzione di legge, essendo piuttosto necessaria una valutazione che involga la sussistenza concrete di esigenze cautelari e che […]

Partecipazione ad associazione mafiosa: il ruolo di “paciere” non è sintomatico dell’appartenenza (Cass. Pen. Sez. V – 15236/11)

14 Apr 2011 - Sentenze

In tema di partecipazione ad associazione mafiosa lo svolgimento del ruolo di “paciere”, in un’unica occasione, non può ritenersi elemento sufficiente al fine di ritenere sussistente un quadro indiziario idoneo a definire la partecipazione stessa. Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 4 marzo 2011 – 14 aprile 2011, n. 15236 Presidente Calabrese – Relatore […]